Alimentazione antinfiammatoria

  • Post
    Bea_
    Utente
    Ciao a tutte, chi di voi sta seguendo una dieta antinfiammatoria? Come vi state trovando? Ci sono cibi che avete completamente eliminato e/o sostituito?

    Grazie mille a chi risponderà

Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Risposte
      Cristy75
      Utente
      Mah io non la sto seguendo ma noto che togliendo glutine e latticini sto meglio sua di stomaco che intestino. Dolori non so quelli sono sempre forti.
      Cli-93
      Utente
      Ciao a tutte, io sono stata operata circa 3 mesi fa in un centro specializzato per endometriosi al IV stadio infiltrante. Ho sempre sofferto molto, ma solo quando ho cominciato ad intraprendere un percorso di PMA, dopo svariati anni di tentativi, mi hanno diagnosticato una sospetta endometriosi, che poi è stata confermata da una visita in un centro specializzato. Mi hanno consigliato l’operazione sia per il dolore che soprattutto per l’infertilità. Tutto questo preambolo per dire, che solo prima dell’intervento ho pensato di testa mia di rivolgermi ad un nutrizionista. Mi hanno cambiato la pillola in attesa dell’intervento, perché prima ne prendevo una a base di desogestrel che mi faceva stare peggio e avevo perdite quotidiane. Con la nuova pillola a base di dienogest e con una dieta anti-infiammatoria, ho visto davvero dei miglioramenti. I dolori sono completamente scomparsi e anche il gonfiore, mi sono proprio sgonfiata. E anche post intervento, oltre ad essere andato bene, sono riuscita a recuperare abbastanza in fretta. Ora ho deciso di smettere la pillola per poi ritentare con la PMA, ma sto ancora seguendo la dieta. Sento che i dolori ogni tanto ricompaiono, anche l’ultima mestruazione (prima post sospensione) non è stata una passeggiata, ma va molto meglio. Io ero molto infiammata, ma era coinvolto anche l’intestino e il retto con alcuni noduli, che mi davano stipsi e dischezia. Ho scoperto di avere pure dolicocolon e dolicosigma, che non aiutano sicuramente. La nutrizionista comunque mi ha consigliato di prediligere i cereali rispetto alla pasta, se ogni tanto ho voglia di pasta invece quella integrale o di legumi. Poi tanta tanta verdura (evitando le solanacee, in particolare i peperoni che mi danno molto fastidio) e tanta frutta 😊 il pesce, ad alto contenuto di omega3, la frutta secca (anti-infiammatoria) e tanto altro. Non mi ha tolto totalmente il glutine, ma perché non sono intollerante, quindi per evitare che il mio corpo non lo tolleri più, la pasta integrale o nel pasto a settimana in cui posso “sgarrare” anche la pizza o altro. Però mi ha solo dato delle linee guida, senza togliermi nulla totalmente, solo imparare a mangiare un po’ più sano e cose che possono aiutarmi a disinfiammare e godermi comunque i pasti e il cibo. Mi ha dato qualche integrazione a base di curcuma (potente anti-infiammatorio), che post-intervento ho utilizzato solo nel pre-mestruo e durante la mestruazione, omega-3 ogni sera e al mattino un bel probiotico e prebiotico combinato.
      Questa è la mia esperienza, sicuramente poi ognuno di noi è diverso e anche l’alimentazione va personalizzata, come anche la terapia ormonale e tutto il resto.

      Scusate il papiro, ma spero di essere stata utile a qualcuno 🤗

      Bru15
      Utente
      Alla dieta anti infiammatoria sono arrivata per diversi motivi. Dopo aver scoperto un’allergia e una celiachia che mi ha fatto togliere totalmente il glutine, ho avuto qualche piccolo ma non significativo aumento. Le cose sono un pochino migliorate con una dieta mirata che riduceva latticini, zuccheri e nichel. Non facile come dieta ma sicuramente di aiuto. Inoltre anche integratori di omega3 e vitamina d, erbe antinfiammatorie hanno aiutato. Certo, tutto questo non fa ”guarire” dalla malattia, ma è un valido aiuto per ridurre gli antidolorifici che ormai mi avevano spaccato lo stomaco.

      La vita è cambiata comunque solo dopo che mi sono operata lo scorso anno, ma la dieta anti infiammatoria la seguo comunque

      MariannaP
      Utente
      L’alimentazione antinfiammatoria mi ha cambiato la vita. Nel giro di un semestre, ho potuto constatare gli effetti benefici derivanti dalla farina integrale, assenza di caffeina, ridottissimo consumo di alcool, carni rossi, caseina, glutine. È complesso, ma ogni rinuncia corrisponde a una carezza per l’organismo.
Visualizzazione 3 filoni di risposte
  • Devi essere connesso per rispondere a questo topic.